//
Stai leggendo...

Criminologia

Le tracce biologiche

Tracce BiologicheNegli scorsi articoli abbiamo già fatto diversi accenni alle tracce biologiche, ovvero tutte quelle tracce di materiale biologico, presenti sulla scena del crimine, che possono permettere alla polizia scientifica di approfondire le indagini, e spesso di rintracciare il colpevole. Per comprendere meglio come lavora la polizia scientifica a questo riguardo approfondiremo l’argomento entrando nel dettaglio. Il sangue è una delle tracce biologiche più importanti, sulla scena del crimine è possibile trovarlo su tessuti, pareti, vetri, etc. e raramente viene rinvenuto allo stato liquido. Nei rari casi in cui il sangue viene rinvenuto allo stato liquido viene aspirato tramite una siringa e viene introdotto in una provetta contenente l’apposito anticoagulante. In caso venga trovato allo stato solido (coagulato) il prelievo si diversifica a seconda della superficie sulla quale viene rinvenuto. Quando l’interesse cade su substrati permeabili come indumenti, tappezzerie, tappezzerie murali, e simili viene ritagliato con attenzione il pezzo interessato ed inviato al laboratorio dopo averlo opportunamente sigillato. In caso di substrati non permeabili quali vetro o muri, viene raschiato e conservato in un apposita provetta di plastica conservata in congelatore. Altri due tipi di tracce biologiche molto importanti ma non sempre di facile prelievo sono il liquido seminale e la saliva. Da entrambi è possibile effettuare il test del DNA, e la procedura di campionamento è molto simile a quella in uso per il sangue: in caso di tessuti viene ritagliata la parte interessata, i piccoli oggetti contenenti le tracce vengono direttamente conservati, e quando possibile viene eseguita una procedura simile alla “raschiatura” usata per il sangue. Sia la saliva che il liquido seminale sono soggetti al degrado portato dai fattori ambientali, ed è preferibile conservarli in congelatore. Esiste un ultimo tipo di tracce biologiche particolarmente rilevanti ovvero le formazioni pilifere: capelli, peli e fibre. I campioni vengono prelevati tramite apposite pinzette e vengono posti in apposite buste sigillate da inviare in laboratorio, la loro natura biologica viene accertata successivamente tramite il controllo diretto al microscopio.