//
Stai leggendo...

Criminologia

Il Luminol

Luminol Scena Del CrimineE’ diventato famoso grazie alle moderne fiction televisive, ed è possibile sentirne parlare tutte le volte in cui viene nominato un delitto oppure una scena del crimine, ma quanto di ciò che si vede in televisione è correlato con il reale funzionamento di questa sostanza?  Il suo nome tecnico è IUPAC o 3-amminoftaloil idrazina, ed è un composto chimico granuloso di colore giallo, viene utilizzato dalla polizia scientifica per rilevare il sangue, ma viene anche utilizzato dai biologi per la ricerca di rame, ferro e cianuro, e dai biochimici per l’identificazione di proteine separate da elettroforesi. Per poter esibire la sua luminescenza deve essere mischiato con un agente ossidante, ovvero una soluzione di perossido di ossigeno, ed un sale basico in acqua. La grande utilità del Luminol nell’ambito della scena del crimine, deriva dal fatto che se utilizzato seguendo correttamente le procedure è in grado di rilevare non solo le normali tracce di sangue, ma anche le tracce lasciate dal sangue lavato o rimosso. La luminescenza provocata tramite il contatto con il sangue è data dal fatto che il ferro presente nell’emoglobina agisce da catalizzatore per la luminescenza. La polizia scientifica, per documentare le tracce rilevate, e quindi per potere in seguito esporre come prove valide, esegue delle fotografie a lunga esposizione. E’ necessario ricordare che solo alcune di queste fotografie vengono considerate prove valide ed attendibili, questo perché il Luminol reagisce anche con altre sostanze, tra cui rame e candeggina. Vengono quindi considerate prove attendibili solo le fotografie di macchie luminescenti che hanno subito un ulteriore verifica. Come molte altre sostanze, il Luminol va usato con cura, siccome può compromettere altri tipi di test che possono portare al deperimento delle prove, sarà quindi un tecnico a valutare in quali situazioni utilizzare questa sostanza. Può essere interessante tenere a mente il fatto che in ogni caso, il Luminol non compromette in nessun modo eventuali test del DNA, inoltre secondo alcuni recenti studi, il Luminol potrebbe essere una sostanza potenzialmente cancerogena, anche se, la questione non è ancora stata sufficientemente studiata per poter esprimere un parere definitivo a riguardo.